Tu sei qui
Magazine

Lifestyle

Viaggiare in famiglia: divertimento, cultura e natura per grandi e piccoli

State programmando un viaggio con tutta la famiglia che concili le esigenze di adulti e bambini? Ecco qualche suggerimento per orientarsi tra le numerose destinazioni.

Viaggiare in famiglia: divertimento, cultura e natura per grandi e piccoli

Le città europee sono sempre una garanzia, soprattutto nei paesi del nord, dove l’accoglienza riservata ai più piccoli è calorosa e ben organizzata. Tra le mete che non deludono c’è Copenaghen, eletta European Green Capital 2014, una meravigliosa città dove ogni abitante può contare su quarantadue metri quadrati di verde e dove sarà facile spostarsi in bicicletta. Una visita che i bambini senza dubbio gradiranno è quella al parco di divertimento Tivoli, situato proprio nel cuore di Copenaghen. Aperto dal 1843, è il parco a tema più visitato al mondo: l’adorabile mix di giochi, giostre, montagne russe, performance e cultura lo rendono perfetto ad ogni età. E giacché siete da queste parti perché non fare un salto a Legoland Billund, il parco dedicato ai mattoncini più amati al mondo? Le ricostruzioni dell'affascinante Miniland, il mondo ricreato con milioni di mattoncini Lego, valgono da sole la visita. 

Tra i paradisi nordici, la capitale della Svezia conquista con il suo caratteristico impianto urbano e la ricca offerta di arte, cultura, natura e shopping. Dolcemente adagiata tra le acque del Mar Baltico, Stoccolma è una città incantevole, immersa in un’atmosfera di serena bellezza. Ecco alcune tappe per coglierne tutto il fascino in pochi giorni. Imperdibile il museo all’aperto di Skansen, ricostruzione dei tipici paesaggi svedesi di varie epoche, con abitanti in costume dell’epoca, case in legno provenienti da diverse zone del paese e uno zoo con animali nordici. Il Palazzo di Drottningholm, residenza della Famiglia Reale, magnifica struttura affiancata dal settecentesco e originale Teatro di Corte. E infine, per rilassarsi a fine giornata, una sosta nel centro termale Sturebadet, un tempo meta molto amata da Greta Garbo.

A meno di duecento chilometri da Parigi c’è la spettacolare tenuta con il castello che fu di Caterina de’ Medici. A Domaine de Chaumont-sur-Loire, incantevole oasi naturale nella Loira selvatica, ogni anno da aprile a ottobre, si tiene il Festival Internazionale dei Giardini di Chaumont. Dentro un palcoscenico naturale di trentadue ettari è possibile ammirare le meravigliose creazioni, giardini sperimentali permanenti che evolvono con il passare delle stagioni, di numerosi artisti contemporanei: la foresta di travi e campane di Jannis Kounellis, le immense sculture di salice di Patrick Dougherty, le capanne appollaiate sugli alberi di Tadashi Kawamata, e molto altro.

Tra i paradisi nordici, la capitale della Svezia conquista con il suo caratteristico impianto urbano e la ricca offerta di arte, cultura, natura e shopping. Dolcemente adagiata tra le acque del Mar Baltico, Stoccolma è una città incantevole, immersa in un’atmosfera di serena bellezza. Ecco alcune tappe per coglierne tutto il fascino in pochi giorni. Imperdibile il museo all’aperto di Skansen, ricostruzione dei tipici paesaggi svedesi di varie epoche, con abitanti in costume dell’epoca, case in legno provenienti da diverse zone del paese e uno zoo con animali nordici. Il Palazzo di Drottningholm, residenza della Famiglia Reale, magnifica struttura affiancata dal settecentesco e originale Teatro di Corte. E infine, per rilassarsi a fine giornata, una sosta nel centro termale Sturebadet, un tempo meta molto amata da Greta Garbo.

A meno di duecento chilometri da Parigi c’è la spettacolare tenuta con il castello che fu di Caterina de’ Medici. A Domaine de Chaumont-sur-Loire, incantevole oasi naturale nella Loira selvatica, ogni anno da aprile a ottobre, si tiene il Festival Internazionale dei Giardini di Chaumont. Dentro un palcoscenico naturale di trentadue ettari è possibile ammirare le meravigliose creazioni, giardini sperimentali permanenti che evolvono con il passare delle stagioni, di numerosi artisti contemporanei: la foresta di travi e campane di Jannis Kounellis, le immense sculture di salice di Patrick Dougherty, le capanne appollaiate sugli alberi di Tadashi Kawamata, e molto altro.